Il Coordinamento Nazionale Antimafia Riferimenti, con la propria Presidente e gli aderenti tutti,ricorda con grande affetto, rimpianto e gratitudine Salvatore Raimo Fondatore e Responsabile della Sede di Pompei
"IN OGNI GUERRA FACCIAMO RINASCERE CAINO"
Papa
Francesco

Un fumetto per raccontare
la storia di Gennaro Musella - Vedi


Papà per un giorno
nel villaggio globale dell’indifferenza

Leggi

(Copyright ©
Michele di Stefano
- Tutti i Diritti Riservati)

Cerca

Il nostro Coordinamento vittima di un vile e spregevole attacco

Quel sistema di delegittimazione che si mette in moto ogni volta che il potere viene criticato e si sente in pericolo. Un sistema a orologeria, infallibile, che si radica nella psicologia della gente. Anche di quella brava, ingenua, in buona fede.  È un allarme quello lanciato da Saviano: «Se ti opponi – ha detto – non sarai ucciso (almeno non per adesso), ma di certo sarai delegittimato: faranno in modo che le tue parole perdano valore e useranno il metodo dell’insinuazione». Lo scrittore non ha dubbi: la strategia che sta portando avanti il potere non è quella di difendersi, ma quella di delegittimare. Il meccanismo è quello che sta alla base del messaggio come:  "Tutti sporchi, nessuno sporco”. È la cosiddetta “logica del peggiore”. Quella che ci permette di pulirci la coscienza pensando che anche chi si è dimostrato più bravo, coerente e coraggioso di noi sia comunque corrotto. È tutta una grande giustificazione per tenerci mediocri, per non permetterci più di riconoscere cosa è giusto da cosa è sbagliato, cosa è meglio da cosa è peggio: «Tutti sbagliano – ha precisato Saviano – siamo uomini. Però una cosa è aver sbagliato, una cosa è essere corrotti». La macchina del fango non mira a rafforzare i nemici delle vittime, ma a indebolire e spaccare i loro amici. Vuole isolarle, farle passare per bugiarde, instillando il dubbio dell’onestà. Secondo la logica perversa della macchina del fango, deve esserci qualcosa di sporco dietro queste persone, altrimenti non si sarebbero esposte tanto. In questo modo Don Peppe Diana era un pedofilo o conservava armi; Falcone era un arrivista televisivo; Boffo un omosessuale.In poche parole tutti coloro che si oppongono al sistema di potere: sia esso quello mafioso o quello legale. L’arsenale della macchina del fango è composta dai megafoni mediatici, ma anche dalle migliaia o milioni di bocche delle persone innocenti, che spesso perpetuano l’insinuazione senza sapere il male che fanno. «Durante una trasmissione televisiva – ha raccontato Saviano – una ragazza chiese a Falcone senza alcuna malignità: “Ma se lei ancora vivo, chi la difende?”. Falcone abbassò la testa, guardò il pavimento e poi rispose: “Per essere creduti dobbiamo morire”. Corrado Augias, che lo stava intervistando, notò la durezza della constatazione e Falcone, sempre guardando a terra, commentò ancora una volta: “È vero, è così”-
(Da un intervento di Roberto Saviano)

scorte_modulo.jpg
SCORTE 1992-2015


"GENNARO MUSELLA"


copertinalibro.jpg
Nel XXX° dell'uccisione
di Gennaro Musella

I NOSTRI RAGAZZI : ALISIA
Il 10 Maggio 2013 a Salerno,
manifestazione in memoria

dell’ing.  Gennaro Musella.
.... Leggi tutto