Il Coordinamento Nazionale Antimafia Riferimenti, con la propria Presidente e gli aderenti tutti,ricorda con grande affetto, rimpianto e gratitudine Salvatore Raimo Fondatore e Responsabile della Sede di Pompei
"IN OGNI GUERRA FACCIAMO RINASCERE CAINO"
Papa
Francesco

Un fumetto per raccontare
la storia di Gennaro Musella - Vedi


Papà per un giorno
nel villaggio globale dell’indifferenza

Leggi

(Copyright ©
Michele di Stefano
- Tutti i Diritti Riservati)

Cerca

Occhio alle bufale depistanti

Non siamo di fronte a nessuna mozzarella. Non siamo di fronte ad un nuovo tipo di bovino. Siamo di fronte alla classica informazione falsa e depistante.
Oggi è facile depistare e creare bufale.

Il web ed il nervosismo social aiutano in tal senso. Prima era un affare quasi elitario... Da servizi segreti.
Oggi è più semplice.
La maggior parte delle persone si fida di ciò che trova in internet senza fare verifiche.
In molti casi quindi è facile buttare fango addosso alle persone. Troppo facile.
A volte i soggetti che si sceglie di attaccare sono soggetti scomodi per determinati sistemucci di potere.
Ma quali sono i metodi che si possono facilmente creare ad arte. Vediamoli insieme.
Una prima tecnica parte dal creare una falsa notizia sul soggetto. Si può scegliere sia la totale falsità della fonte partendo da una falsa agenzia di stampa che si costruisce senza alcuna difficoltà, che la raffinata miscela di unire ad alcune comprovate notizie vere quella falsa.
Nel primo caso basta prendere un lancio di agenzia nazionale di qualunque tipo. Copiarlo e modificarlo. In due minuti si ottiene un falso lancio di agenzia. Il falso lancio va successivamente fatto girare nei social. Più l'agenzia è famosa e più il personaggio è famoso e prima verrà smentita, ma la notizia falsa girerà comunque per mesi perchè internet si presta a ciò. Se poi l'agenzia od il personaggio non sono famosi, la bufala potrebbe non essere scoperta per un bel po' di tempo.
Nel secondo caso, più raffinato, in cui spesso vengono utilizzati autori o giornalisti, a volte in mala fede, a volte utili idioti, si preferisce mettere in un articolo il seguente schema: Tizio è stato condannato in quel contesto geografico per... (notizia vera); Caio in quel contesto ha subito un processo per (notizia vera); è emerso per Sempronio che... (notizia falsa). In questo caso la notizia falsa serve a distruggere la reputazione di Sempronio miscelando comprovate notizie vere ad una falsa. Il danno è fatto perchè quasi mai nessuno verifica.
Un'altra tecnica consiste nel creare un intero finto meccanismo informativo multistrato social che parte da un insieme composto da: vari account social, un blog e magari anche un canale video. Il tema deve essere abbastanza inerente alla materia di cui si occupa il soggetto da colpire. Questo sistema multistrato lo si utilizza come fonte da far girare in altre fonti che magari non fanno le necessarie verifiche. Questo sistema non è semplicissimo da attuare ma possibile.
Esistono altre tecniche, ma quelle sono sì da servizi segreti et similari ma che in questo articolo non tratto.
Quindi mi raccomando... Occhio alle bufale depistanti.

scorte_modulo.jpg
SCORTE 1992-2015


"GENNARO MUSELLA"


copertinalibro.jpg
Nel XXX° dell'uccisione
di Gennaro Musella

I NOSTRI RAGAZZI : ALISIA
Il 10 Maggio 2013 a Salerno,
manifestazione in memoria

dell’ing.  Gennaro Musella.
.... Leggi tutto